Unicredit finalizza la cessione di Pioneer

Unicredit ha finalmente finalizzato la cessione di Pioneer, secondo quanto rielaborato da alcune fonti stampa. In particolare, è emerso che Amundi ha ottenuto tutte quelle necessarie autorizzazioni regolamentari per poter procedere all’acquisizione di Pioneer Investments da parte di UniCredit, e avrebbe altresì soddisfatto quelle che erano ritenute essere le condizioni sospensive.

A margine di quanto sopra introdotto, ne deriva che l’operazione dovrebbe essere finalizzata il prossimo 3 luglio 2017, e dovrebbe concludersi in linea con quelle che sono le aspettative degli analisti di mercato. Ricordiamo, in tal proposito, come la cessione di Pioneer ad Amundi fosse stata annunciata da UniCredit già nel corso della giornata del 12 dicembre scorso, per un corrispettivo di 3,545 miliardi di euro con una plusvalenza attesa di 2,2 miliardi di euro e con un beneficio sul Cet1 di 78 punti base.

Tra le altre notizie più recenti sui titoli quotati in Borsa, ricordiamo come Enel abbia confermato una interessante acquisizione nel mercato statunitense. Nel dettaglio, Enel Green Power North America (EGPNA), società controllata dal Gruppo Enel, ha siglato un accordo per poter acquisire la società energetica statunitense EnerNOC a fronte di un corrispettivo di circa 250 milioni di dollari. Si tratta di un’operazione piuttosto importante, che permetterà al gruppo Enel – e alla sua divisione ecoenergetica – di poter espandere ulteriormente la propria presenza dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, consolidando il proprio posizionamento nel mercato nordamericano.

Tra le altre notizie, segnaliamo infine che Leonardo (la società ex Finmeccanica) ha affermato di essersi aggiudicata un contratto valutato per oltre 290 milioni euro con il ministero della Difesa britannico. L’oggetto del contratto ora siglato è quello di aggiornare i sistemi d’identificazione di oltre 350 piattaforme aeree terresti e navali britanniche. Si tratta anche in questo caso di una commessa di sicura importanza, che dovrebbe consolidare il portafoglio lavori internazionali del gruppo.

Posted in Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *