Acquisti online: l’abbigliamento perde terreno ma non molla

shopping-4000414_1920Negli ultimi anni gli e-commerce hanno decisamente sfondato anche nel nostro Paese. Gli italiani, si sa, sono abbastanza restii alle novità, preferiscono la solita routine. È però innegabile che fare acquisti in rete sia particolarmente pratico. Prima di tutto perché gli acquisti si possono fare come e quando si crede, senza il bisogno di uscire di casa, anche nel cuore della notte dal divano. Tra i settori che hanno sempre avuto successo, quello dell’abbigliamento è uno dei più importanti. Nel corso del 2020 però le cose sono leggermente cambiate.

L’e-commerce preferito dagli italiani

Nel corso degli anni passati gli italiani online acquistavano soprattutto abbigliamento, prodotti di elettronica in senso lato, software e giochi o servizi. Un’ampia parte delle vendite riguardava poi l’acquisto di biglietti per eventi o di servizi per la persona. Per quanto riguarda l’abbigliamento il settore degli e-commerce è particolarmente vivace. Soprattutto perché sono disponibili e-commerce a cui non corrisponde un vero e proprio show room fisico, di tipo tradizionale. È questo il caso di Shapestore.it, ma i casi elencabili sono molteplici. Gli italiani ricorrono a questi negozi online spinti da varie motivazioni, tra cui anche la possibilità di avere a disposizione una scelta molto più ampia rispetto a quella dei negozi tradizionali, oltre alle tante proposte in offerta.

Cos’è accaduto nel 2020

Nel corso del 2020 si è potuto apprezzare un forte aumento del fatturato dei negozi online, ma non solo. Del resto i lock down, dovuti al tentativo di fermare la pandemica da coronavirus, hanno costretto tante persone a casa. Inoltre in vari periodi dell’anno i negozi tradizionali sono rimasti chiusi e molte persone, ancora oggi, preferiscono evitare incontri con sconosciuti. Queste istanze portano ovviamente a prediligere i negozi online, perché per fare acquisti non è necessario incontrare fisicamente nessuno. Oggi anche i corrieri lasciano buona parte dei pacchetti lontano dal cliente, per evitare lo scambio di virus e batteri. Nel corso del 2020 si è potuto apprezzare un aumento di circa il 20% del fatturato degli e-commerce che offrono abbigliamento. In un anno in cui l’economia ha mostrato una pesante crisi e un calo nelle vendite è un risultato decisamente incredibile. Ci sono poi dei settori in cui l’aumento di fatturato è stato ancora più elevato. Un 20% è infatti, più o meno l’aumento medio anche dei 4 anni precedenti, dal 2016 al 2019.

Il mondo degli alimentari e beni di consumo

Laddove l’aumento del fatturato è stato incredibile è l’ambito cosiddetto food&grocery. Ci riferiamo a quella parte di merci che ogni italiano acquista per la casa e la famiglia, dai detergenti per fare le pulizie fino agli alimentari con cu preparare un ottimo pasto casalingo. Questo settore ha avuto, nel corso del 2020, un aumento di fatturato superiore al 50%, andando ad attestarsi tra i principali ambiti delle vendite online in Italia. Si deve segnalare che questo settore in passato stentava a decollare; molti italiani infatti prediligevano fare spese nel piccolo negozio di quartiere. E infatti sono state anche queste piccole realtà imprenditoriali a spingere l’intero settore, offrendo i propri prodotti online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *