Asteroide passa vicino (o quasi) alla Terra

Scoperto il 29 settembre 2003 dagli astronomi dell’Osservatorio Lowell Near-Earth-Object Search (LONEOS), l’Asteroide 2003 SD220 è classificato come asteroide “potenzialmente pericoloso” a causa delle sue dimensioni e della sua vicinanza all’orbita terrestre.

Ad ogni modo, le misure radar hanno perfezionato la comprensione dell’orbita di SD220 del 2003, confermando che non rappresenta una futura minaccia di impatto per la Terra. Le immagini radar mostrano inoltre che l’asteroide è lungo almeno 1,6 km e ha una forma simile a quella della “porzione esposta di un ippopotamo che guada in un fiume”.

“Le immagini raggiungono un livello di dettaglio senza precedenti e sono paragonabili a quelle ottenute da una navicella spaziale flyby”, ha detto il dottor Lance Benner, ricercatore del Jet Propulsion Laboratory della NASA. “L’elemento di superficie più evidente è una cresta prominente che sembra avvolgersi a metà intorno all’asteroide vicino a un’estremità. Si estende per circa 100 m sopra il terreno circostante” – ha poi proseguito.

Le immagini mostrano che il 2003 SD220 ha un periodo di rotazione estremamente lento di circa 12 giorni. Ha anche quella che sembra essere una rotazione complessa in qualche modo analoga a quella di un calcio mal lanciato. Conosciuto come “rotazione dell’asse non principale”, è raro tra gli asteroidi vicini alla Terra, la maggior parte dei quali gira intorno al loro asse più corto.

“Quest’anno, con le nostre conoscenze sulla lenta rotazione del 2003 SD220, siamo stati in grado di pianificare una grande sequenza di immagini radar utilizzando i più grandi radiotelescopi a piatto singolo del Paese”, ha detto il Dr. Patrick Taylor, scienziato senior presso la Universities Space Research Association presso il Lunar and Planetary Institute.

“I nuovi dettagli che abbiamo scoperto, fino alla geologia dell’SD220 del 2003, ci permetteranno di ricostruirne la forma e lo stato di rotazione, come è stato fatto con Bennu, obiettivo della missione OSIRIS-Rex”- ha quindi precisato il dottor Edgard Rivera-Valentín, dell’Associazione di ricerca spaziale universitaria del Lunar and Planetary Institute.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.