Come decorare una torta: realizzare un fiocco di pasta di zucchero

decorazione tortaLa pasta di zucchero è uno degli ingredienti più amati da tutti coloro i quali hanno abitualmente a che fare con la pasticceria. Ogni ricettario del “come decorare una torta” che si rispetti, infatti, non può proprio prescindere dal prendere in seria considerazione la pasta di zucchero. Una volta preparato e scelto il colore che intendiamo dargli, questo ingrediente diverrà il nostro alleato numero uno nella decorazione creativa di una torta!

Ma esattamente, come deve esesre lavorata la pasta di zucchero? Come prima cosa stendiamo con il mattarello la nostra pasta di zucchero, tenendo conto del fatto che il suo spessore dipenderà dalla grandezza del fiocco che si intende creare: quanto più saranno piccoli i fiocchi, tanto più la pasta dovrà presentarsi sottile sottile. Al contrario, per realizzare dei fiocchi grossi e prorompenti, sarà necessario lavorare la pasta in maniera tale che si presenti spessa; che dia, in sostanza, la sensazione di volume.

In seconda fase tagliamo le striscie di uguale lunghezza (una 10ina di centimetri va più che bene), mentre per la larghezza prendiamo pure il nostro mignolo come metro di misura. Procediamo quindi col ripiegare le due strisce su sé stesse. Con il dito apriamo l’interno in maniera tale che si crei uno spazio ampio, e solo successivamente proseguiamo arricciando il lato opposto con le due estremità della striscia: premiamo al centro del fiocco attaccando bene le due striscie.

Tagliamo un’altra scriscia di pasta di zucchero stavolta meno larga rispetto alle precedenti e poniamola proprio al centro del fiocco appena realizzato: sul retro liberiamoci delle parti in eccesso, modellando il tutto in modo tale che si tengano ferme le due estremita. Se desideriamo dare al fiocco una sensazione di “pacco regalo”, serviamoci di altre strisce per creare dei simil nastri che scenderanno dalla base del fiocco lungo l’altezza della torta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.