Come funziona un distributore automatico

pexels-veronica-5495383-tg3webChe si tratti di un ufficio, di un’università o di un albergo, non è raro trovare angoli dedicati alla ristorazione attivi 24 ore su 24. La presenza di un distributore automatico all’interno di diverse strutture è ormai quasi scontata per clienti o dipendenti che li utilizzano nel loro quotidiano.

Sul sito primaservice.it è possibile visualizzare tutti i differenti distributori automatici che possiamo inserire all’interno della nostra attività o del nostro ufficio per favorire la soddisfazione della clientela o dei dipendenti. Ma ci siamo mai chiesti come funziona un distributore automatico?

Apparentemente il suo funzionamento è davvero semplice, ma conoscere nel dettaglio tutte le caratteristiche e le modalità di fruizione di snack e bevande permette al tempo stesso di individuare il modello più adatto alle nostre esigenze. Vediamo quindi insieme come funziona un distributore automatico.

Come funziona un distributore automatico: quello che vediamo

Domandarsi come funziona un distributore automatico sembra essere quasi superfluo poiché apparentemente tutti quanti ne conosciamo il suo corretto funzionamento. È infatti sufficiente inserire all’interno della stessa le monete o la chiavetta fornita dal distributore, selezionare la bevanda o lo snack che desideriamo e attendere che questa ci sia fornita.

Questa è la parte esterna del distributore automatico, ciò che tutti vediamo e che sappiamo utilizzare. È anche vero che è possibile installare all’interno dei propri uffici distributori automatici di ultima generazione che rendono ancora più facile la fruizione delle bevande e degli snack. Un esempio sono i distributori automatici con NFC che permettono al dipendente o al cliente di pagare attraverso il proprio smartphone ricaricando il credito utile da quello della sua sim telefonica o tramite una carta prepagata. In questo modo il distributore leggerà il cellulare come se fosse una chiavetta ma non sarà necessario, per chi ne fruisce, sostenere la spesa di acquisto o affitto di questo strumento.

Come funziona un distributore automatico di bevande

Uno dei distributori automatici più utilizzati da diverse strutture, siano queste aziende, alberghi, università o anche ospedali, è quello delle bevande che permette di avere in poco tempo qualcosa di caldo e ristorativo senza doversi allontanare o spendere prezzi esosi.

Attraverso una serie di comandi preimpostati il distributore automatico di bevande permette di ottenere ciò che desideriamo in un tempo ridotto. Al suo interno è infatti presente un vero e proprio software che si attiva mediante il pagamento, quindi l’introduzione di monete.

Dopo aver selezionato la nostra bevanda, il software invia un input tale da consentire l’apertura nella vaschetta preposta all’erogazione dell’elemento richiesto che si andrà poi a miscelare con l’acqua precedentemente inserita.

Come funziona distributore automatico di snack

 Il funzionamento del distributore automatico di snack poco si discosta rispetto a quello delle bevande, e forse si rivela essere anche più facile e veloce. Per il pagamento la modalità è la medesima e quindi successivamente a questo sarà necessario selezionare il prodotto che desideriamo provare.

Il software fornisce quindi l’input al distributore automatico che attiva la spirale relativa al prodotto desiderato consentendogli la sua fuoriuscita e quindi il consumo da parte il cliente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.