Come si cura il mal di denti

Il mal di denti è una condizione particolarmente fastidiosa che ha origine da una lunga serie di potenziali eventi pregiudizievoli. Come intuibile, il trattamento del mal di denti dipende dalla causa del dolore e dalla quantità di danni presenti. In generale, il modo migliore per fermare il mal di denti è che il dentista rimuova qualsiasi infezione o carie presente e che ripari il danno per proteggere le aree esposte e sensibili. Per una cavità poco profonda su un dente, il dentista rimuove la carie e sigilla il dente con un’otturazione. Se la cavità è molto profonda ed entra nella polpa, il dentista esegue un “trattamento del canale radicolare” perché la polpa è stata esposta e infettata da batteri. Questa procedura rimuove essenzialmente tutto il contenuto vitale del dente (nervi e vasi sanguigni) e sigilla gli aspetti interni del dente (sistema canalare) con un materiale di otturazione inerte.

Un dente interessato da un’infezione molto localizzata ha solitamente bisogno di un trattamento canalare radicolare con terapia antibiotica. Se l’infezione si è diffusa, può essere necessaria una terapia antibiotica e ulteriori misure per drenare correttamente l’infezione. I dentisti spesso prescrivono farmaci antidolorifici per gestire il dolore. A volte l’estrazione del dente può essere l’unica opzione di trattamento se il dente o le gengive circostanti e l’osso sono troppo danneggiati.

Detto ciò, per un ascesso parodontale un dentista esegue una procedura di drenaggio in anestesia locale. Inoltre, un dentista pulisce a fondo la tasca gengivale interessata per rimuovere eventuali accumuli di tartaro e detriti. Una volta pulita, la tasca viene irrigata con un risciacquo antimicrobico contenente clorexidina. A volte, gli antibiotici vengono somministrati localmente nella tasca per aiutare ulteriormente la guarigione. A seconda dell’estensione dell’ascesso, un dentista può prescrivere antibiotici orali. Inoltre, per il breve termine, un dentista può prescrivere il risciacquo orale con clorexidina come collutorio per facilitare la guarigione. L’area deve essere mantenuta pulita con un delicato spazzolamento dei denti e risciacqui con acqua calda. Si raccomanda una visita di controllo per assicurarsi che l’infezione si sia completamente risolta e sviluppare un piano per mantenere correttamente l’area.

In caso di fratture dentali o situazioni di sindrome del dente incrinato, il posizionamento della corona dentale è il trattamento abituale. Una corona sostituirà la struttura dentale mancante e/o aiuterà a proteggere il dente indebolito da ulteriori rotture e sensibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.