Consigli su Expo 2015: ecco dove mangiare, e come evitare le code

Fate parte di quel piccolo gruppo che ancora deve visitare Expo 2015? La famosa esposizione mondiale è una vetrina davvero illustre per il nostro paese. Non a caso, il primo bilancio è nettamente positivo sia in termini di visite che di organizzazione.

Eppure, ci sono alcune piccole pecche che rendono Expo 2015 un’esperienza difficile da gestire: parliamo sia del cibo che delle code.

Il primo ostacolo, come abbiamo anticipato, è il cibo. Ovvio, non parliamo della sua qualità o della sua preparazione: Expo 2015 è stata, inizialmente, sulla bocca di tutti per i costi (a  volte proibitori) di alcune pietanze. In realtà, è possibile visitare tutti i padiglioni desiderati, e mangiare in modo salutare e soprattutto low cost.

I padiglioni orientali, e quelli asiatici, ci vengono incontro offrendoci proproste culinarie innovative, originali, gustose e soprattutto low cost. In generale, con circa 10 euro è possibile affondare il proprio palato in pietanze squisite e abbondanti.

Il secondo problema rilevato, invece, riguarda le code (a volte davvero troppo lunghe) registrate in alcuni padiglioni.  Anche in questo caso, però, esistono alcuni piccoli suggerimenti utili: preparatevi il percorso la sera precedente la visita.

Il giorno scelto, poi, alzatevi presto e fatevi trovare davanti ai tornelli almeno mezz’ora prima dell’apertura ufficiale. In questo modo, eviterete fin dall’inizio le code che si formano per i controlli. Inoltre, segnatevi l’itinerario dei padiglioni che volete visitare e dirigetevi proprio in quella direzione.

Un altro suggerimento semplice riguarda la scelta dei padiglioni: se volete visitarne parecchi, appena entrate in Expo vi consigliamo di partire dal fondo. Sfrutterete, in questo modo, la mancanza delle code e potrete vedere tranquillamente tutti i padiglioni che vorrete senza file eccessive.

In definitiva, visitare Expo può diventare divertente e anche soddisfacente. Tuttavia, toglietevi dalla testa di poter vedere tutta la fiera in un solo giorno: una seconda visita è da mettere di sicuro in conto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.