Cos’è una criptovaluta?

9. Acquisti sicuriLe persone scambiano beni fin dall’alba dei tempi. Tuttavia, non sempre lo hanno fatto con gli stessi strumenti. Per esempio, le valute di oggi sono generalmente banconote stampate o monete gestite da un ente centralizzato come il governo e sono tracciate da istituzioni finanziarie.

Tuttavia, Satoshi Nakamoto, il creatore di bitcoin, nel 2009 propose un concetto che avrebbe trasformato il modo in cui la gente considera il denaro. Ovvero, e se invece dei governi, fosse la matematica a governare la moneta?

Le criptovalute sono un tipo di denaro digitale che opera su un sistema monetario completamente nuovo che non è governato da un’autorità centralizzata né registrato da un’entità formale.

Esistono diverse forme di criptovalute, ognuna con la sua serie di scopi. Indipendentemente dallo scopo, ogni moneta digitale è mantenuta dalla blockchain, una rete peer-to-peer decentralizzata. La tecnologia blockchain assicura che tutte le criptovalute siano tracciate, indipendentemente dal fatto che siano conservate in un portafoglio digitale o scambiate.

L’efficacia di un tale sistema, d’altra parte, richiede un’architettura che impedisca le frodi e che possa essere efficiente su più dimensioni.

Bitcoin è stata la prima criptovaluta (e Blockchain) sul mercato, stabilendo un sistema in cui due persone – il mittente e il destinatario delle monete – possono effettuare dei pagamenti producendo una firma digitale, in un sistema realizzabile perché ogni persona ha una chiave di crittografia pubblica e una privata.

Ogni transazione viene poi controllata per la sua correttezza e il sistema si mantiene completamente anonimo e trasparente.

A proposito di sistema, è il libro mastro ad essere il suo cuore. Quindi diamo un’occhiata più da vicino a come funziona.

Il libro mastro

Ogni criptovaluta ha un libro mastro dove tutte le transazioni sono rese pubbliche per una completa trasparenza. Mantenere un libro mastro obbliga tutti a svolgere un ruolo efficiente e onesto, eliminando così la possibilità di operazioni duplicate.

Il libro mastro è dunque un insieme di elementi del database che nessuno può aggiornare finché non vengono soddisfatti determinati requisiti. Nessuno controlla il libro mastro o la blockchain di bitcoin. Piuttosto, la Blockchain è decentralizzata, significando cioè che è autogestita e autogovernata senza l’intervento di altre parti.

Verifica delle transazioni e Blockchain

Supponiamo che tu voglia investire in criptovaluta, come Bitcoin, usando un importante exchange di criptovalute, ovvero una piattaforma che consente di acquistare e vendere valute digitali.

Dopo avere acquistato Bitcoin, immaginiamo che tu voglia anche spendere la criptovaluta. Cosa succede ora?

Il primo punto da notare è che la transazione non è confermata, ovvero non è ancora autentica e non diventerà scritta nel libro mastro, finché non passa attraverso un processo di convalida.

Quando una transazione viene confermata, diventa parte di un registro di transazioni storiche memorizzate nella blockchain. I miner di criptovalute confermano le transazioni e poi le introducono nel libro mastro pubblico, usando computer potenti per risolvere complessi problemi matematici, vitali per il processo di verifica.

Poiché il mining di criptovaluta è open source, chiunque può convalidare una transazione e il primo miner che risolve il problema matematico riceve un compenso in cambio dell’aggiunta di un blocco al registro delle transazioni. Questo sistema, noto come “proof-of-work”, permette pertanto ai miner di monetizzare il loro impegno per supportare la rete.

La remunerazione non è, tuttavia, fissa. Per esempio, Bitcoin inizialmente assegnava 50 BTC, ma tale premio si è dimezzato a intervalli prestabiliti, fino ad essere, oggi, molto meno allettante di un tempo.

Cosa accadrà in futuro

Anche se è molto difficile immaginare che cosa potrà accadere in futuro, è probabile che le migliori criptovalute avranno una funzione sempre più importante, dato che il loro uso è aumentato costantemente negli ultimi anni ed è destinato a farlo ancora.

Bitcoin è ad oggi usato in più di 100 Paesi, con decine di migliaia di transazioni ogni ora.

Per tutti coloro i quali volessero saperne di più, il primo passo è certamente quello di comprendere cosa sono le criptovalute, mentre il secondo è operare con esse.

Acquista una piccola quantità di criptovaluta da uno dei più noti exchange, sperimentale e completa alcune transazioni. Dopo esserti fatto un’idea del processo, potresti anche provare a fare un po’ mining.

Qualsiasi decisione prenderai, il futuro delle criptovalute è luminoso e l’elenco delle criptovalute su cui vale la pena investire continuerà a crescere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.