Curare le emorroidi: ecco i rimedi naturali più utilizzati

 

curare le emorroidiLe emorroidi sono uno dei problemi più comuni tra la gente: è stato stimato che il 90% della popolazione ne abbia sofferto almeno una volta, e che questo disturbo colpisca indistintamente sia le donne che gli uomini.

Le emorroidi sono delle piccole escrescenze poste in prossimità dell’ano: al loro interno vi sono vasi sanguigni che, con l’aumento della pressione, tendono ad ingrossarsi ed infiammarsi.

Questo disturbo può essere sia di tipo interno che esterno: nel primo caso, le emorroidi non si vedono e non si possono toccare. Non sono particolarmente dolorose, ma a lungo andare potrebbero prolassare all’esterno.

Le emorroidi esterne (http://emorroidii.it/emorroidi-esterne/), invece, sono ben visibili e molto dolorose (nei casi più gravi). Le piccole escrescenze poste vicino all’ano possono infiammarsi facilmente: è sufficiente un’evacuazione difficoltosa per avere perdite di sangue e nuovi dolori.

Le cure sono diverse, e prescritte in base al reale problema della persona: nei casi più “semplici” il medico prescrive una pomata da spalmare nella zona interessata. Quest’ultima allevierà sicuramente il dolore, ma non risolverà il problema alla radice. Nei casi più gravi, invece, il medico può decidere di ricorrere all’uso del bisturi per eliminarle.

Prima di questo passo, però, possiamo provare a stare meglio utilizzando alcuni rimedi naturali ottimi per combattere le emorroidi.

Innanzitutto, di sera, mettiamo a mollo una manciata di prugne secche dentro ad un bicchiere di acqua. Il mattino successivo, a digiuno, filtriamo la nostra bevanda e beviamola prima di fare colazione: l’acqua alle prugne vi permetterà di regolarizzare il vostro intestino, e di evacuare più facilmente.

In alternativa potete provare una pomata naturale: l’estratto di ippocastano è il più utilizzato, ma potete anche provare l’elicrisio o il cipresso.

In definitiva, i rimedi naturali per combattere le emorroidi sono numerosi e di vario tipo: dopo aver consultato il vostro medico, fateci consigliare sulla miglior terapia da seguire.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.