Il vapore secco e le pulizie domestiche

s_pulizia-VSS-tg3webViene definito vapore secco tutto il vapore ottenuto dalle alte temperature (155°C) con quantità minime di acqua e con un’umidità residua praticamente assente. Viene sempre più utilizzato in casa perché pulisce, disinfetta ed elimina i cattivi odori.

Il vapore secco è un metodo efficace, sicuro e anche ecologico che può essere utilizzato per la pulizia quotidiana della casa. Grazie al vapore, infatti, si potrà detergere lo sporco, compreso quello più persistente, eliminare virus, batteri, pesticidi ambientali e i maggiori allergeni, lasciando libere le superfici da qualsiasi detergente chimico.

Grazie all’impiego del vapore secco si possono eliminare anche gli acari dai tappeti. Bisogna sapere, infatti, che nemmeno l’aspirapolvere più potente è in grado di aspirare gli acari ancora vivi dai tappeti o dalle moquette.

A seguire vediamo i vantaggi che si possono ottenere grazie all’utilizzo del vapore secco.

I principali vantaggi del vapore secco

Effettuare un trattamento mensile con il vapore secco e l’aspirazione sui nuovi tappeti può aiutare a prevenire la crescita degli acari al loro interno.

C’è da dire anche che, il vapore secco rispetta l’ambiente migliorando la qualità dell’aria che respiriamo all’interno della nostra casa. Perché senza saperlo, all’interno di alcuni detergenti, che abitualmente usiamo, per la pulizia della casa possono esserci delle sostanze chimiche dannose per l’organismo.

Inoltre non è inconsueto che rimangano delle tracce, delle suddette sostanze chimiche, sulle superfici che vengono trattate.

Tutti questi rischi possono essere eliminati iniziando ad utilizzare il vapore secco, che non solo pulisce, ma come già detto punta a migliorare la qualità dell’aria. E questo non è un fatto trascurabile, perché sono tante le persone che passano molto tempo in casa, come per esempio, i lattanti e le loro mamme o anche i bambini più grandi che passano circa 15 ore al giorno nell’ambiente domestico.

Il vantaggio dell’uso del vapore è stato riscontrato anche nell’utilizzo di quest’ultimo da parte di chi lavora nelle imprese di pulizia. Queste persone infatti presentano un rischio di sviluppare malattie dell’apparato respiratorio, come per esempio asma e bronchite cronica, 2-5 volte maggiore rispetto a soggetti che hanno un altro impiego.

Altre informazioni utili

Un recente studio ha dimostrato che l’impiego di sostanze chimiche per la pulizia della casa può raddoppiare il rischio di asma sia nei bambini che negli adulti. Si è anche visto che i danni all’apparato respiratorio sono direttamente proporzionali alla frequenza di impiego dei suddetti detergenti durante la settimana.

L’impiego combinato del vapore secco e dell’aspirazione è un altro grande vantaggio della pulizia effettuata con questo metodo perché mentre il vapore pulisce e sterilizza, l’aspirapolvere rimuove tutti i residui di sporco e di sostanze inquinanti. Inoltre, grazie a questo metodo sarà possibile eliminare e intrappolare anche l’allergene più piccolo, quello del gatto.

Ma con quale frequenza deve essere trattato un ambiente con il vapore secco? Questo tipo di pulizia non deve essere quotidiana. Infatti, per impedire la crescita degli acari sui tappeti o sulle superfici imbottite, come per esempio i materassi, una volta al mese è più che sufficiente.

Mentre per eliminare le eventuali sostanze nocive che possono accumularsi in casa è utile utilizzare il vapore secco una o due volte a settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.