Investire nelle compagnie petrolifere? Bill Gates sconsiglia, ecco perché

Se state cercando di optare per un investimento azionario a lunghissimo termine, il miliardario Bill Gates non ha dubbi: meglio evitare le compagnie petrolifera.

Con il mondo si allontana dai combustibili fossili e adotta fonti di energia più pulite e rinnovabili, i giganti del petrolio che hanno dominato i mercati per più di un secolo potrebbero essere in difficoltà, ha dichiarato il co-fondatore di Microsoft in un briefing al vertice sul clima COP26 a Glasgow.

Alcuni di questi giganti cadranno. Sapete, tra 30 anni, alcune di queste compagnie petrolifere varranno molto poco“, ha detto Gates, un noto sostenitore degli investimenti in energie rinnovabili e tecnologie verdi, durante il briefing. Compagnie come ExxonMobil, BP e Royal Dutch Shell hanno già visto i loro prezzi azionari diminuire negli ultimi cinque anni – specialmente all’inizio della pandemia del Covid-19, che ha paralizzato la domanda di petrolio e ha provocato enormi perdite anche per le più grandi compagnie di petrolio e gas.

ExxonMobil, il più grande produttore di petrolio e gas negli Stati Uniti, ha perso 20 miliardi di dollari l’anno scorso. L’azienda ha ancora un valore di mercato di 275 miliardi di dollari – ma mentre paesi come gli Stati Uniti spostano le loro politiche energetiche per combattere il cambiamento climatico, e l’industria automobilistica si muove verso un futuro elettrico, gli investitori stanno diventando sempre più dubbiosi sul futuro dei titoli petroliferi.

Le grandi compagnie petrolifere che ruotano le loro attività verso forme di energia rinnovabile hanno una possibilità di sopravvivere, ha detto Gates al briefing. Ma a maggio, l’analista dell’Agenzia Internazionale dell’Energia Heymi Bahar ha ricordato che è improbabile che le grandi compagnie petrolifere diventino mai leader nelle tecnologie rinnovabili. “Diventeranno i maggiori investitori della tecnologia rinnovabile? La risposta è no”, ha detto Bahar. “Aumenteranno il loro ritmo? Sì, di sicuro”.

A Glasgow, Gates ha detto di credere che le compagnie petrolifere potrebbero passare con relativa facilità dai combustibili fossili a fonti di energia più pulite. Ha citato l’idrogeno a basso contenuto di carbonio – che, quando viene bruciato, emette meno carbonio nell’aria rispetto ai gas serra di oggi – come un possibile esempio.

“Abbiamo un’infrastruttura di gasdotti negli Stati Uniti che probabilmente può essere adattata per trasmettere idrogeno”, ha detto Gates. Tuttavia, è anche vero che il suo curriculum di investimenti non indica ottimismo. Nel suo ultimo libro, “Come evitare un disastro climatico”, Gates ha scritto che nel 2019 ha disinvestito tutte le sue “partecipazioni dirette in compagnie petrolifere e del gas, così come il trust che gestisce la dotazione della Gates Foundation”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.