Piaggio punta su elettrico e Cina

Piaggio guarda in avanti e rilancia i propri progetti di crescita globale poggiando sui temi dell’innovazione e della mobilità ad alto contenuto tecnologico. E, anche con tali elementi, punta altresì sulla Cina, un mercato nel quale la compagnia vuole crescere ancora tanto. L’obiettivo – ha ricordato il numero uno Roberto Colaninno – è il raggiungimento dell’utile il prossimo anno.

Un obiettivo non certo impossibile da conseguire, e che Piaggio desidera alimentare attraverso l’innovazione, il lancio di prodotti di nuova generazione e la conquista di nuovi mercati.

A proposito di Oriente, area nella quale Piaggio sta valutando nuovi investimenti, Colannino ricorda come il progetto di sviluppo “si chiama Cina e si chiama Elettricità”. Il top manager di Piaggio ha ricordato che la società sta creando un veicolo elettrico ad hoc per le esigenze di mobilita di quel Paese, e che il Paese asiatico è sicuramente uno dei focus della società.

Ricordiamo che nell’ultimo bilancio ufficiale disponibile Piaggio attesti la vendita in tutto il mondo di 532 mila veicoli con ricavi complessivi a quota 1,3 miliardi di euro e con un Ebitda a 170,7 milioni di euro, che con un rialzo del 5,6 per cento ha rappresentato il miglior risultato dal 2013 ad oggi. Sull’ultima riga di conto economico, l’utile ammonta a 14 milioni di euro, in crescita di oltre 18,3 per cento.

Infine, il quotidiano Il Sole 24 Ore ha ricordato che da un anno a questa parte Piaggio ha creato una start up, sorta di Think Tank a Boston, all’interno delMit per poter stimolare lo sviluppo di idee e prodotti distruptive per la mobilità. Piaggio ha infine ricordato di essere al lavoro per il completamenteo dello sviluppo della Vespa Elettrica che, dichiara Colaninno, arriverà entro il 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.