Pregi e difetti delle case di riposo

Sul territorio italiano sono disponibili numerose case di riposo; con questa locuzione, dal senso assai generico, si indicano tantissimi tipi di struttura. Negli ultimi anni stanno nascendo case di riposo che si distaccano di molto da quelle tradizionali, dove la giornata viene organizzata in modo da favorire negli anziani un maggior numero di contatti sociali e di attività.

Le vecchie case di riposo

Fino ad alcuni decenni fa le case di riposo erano per lo più simili ad ospedali per lungo degenti, dove chi vi viveva trascorreva gli ultimi anni della sua vita nell’inattività. Fortunatamente oggi sono disponibili alcune strutture dove le giornate sono scandite da numerose attività di vario genere, che vanno dall’organizzazione di feste o ricevimenti, fino alla disponibilità di personale specializzato nell’insegnamento di attività artistiche o hobbistiche. Grazie a questo nuovo tipo di case di riposo anche le persone con qualche disabilità o che soffrono di malattie croniche possono vivere appieno la loro vita. Rispetto alle vecchie case di riposo le nuove strutture tendono ad avere a disposizione molte strutture ed attrezzature di supporto, come giardini con impianti sportivi, o sale per la visione di film o per l’organizzazione di corsi di vario tipo.

Le situazioni limite

Purtroppo quando una persona invecchia tende anche a manifestare diverse malattie e disabilità. Per alcuni anziani è necessario essere trasferiti in strutture in grado di gestire al meglio i loro problemi di salute e la loro mancanza, totale o parziale, di autonomia. In questi casi l’anziano può essere trasferito in una RSA Residenza Sanitaria Assistenziale a Roma. Si tratta di strutture particolarmente strutturate per essere in grado di rispondere anche alle esigenze di quelle persone non autonome, allettate o con gravi problemi di salute, correlati a diversi tipi di patologie. In questi casi non si tratta soltanto di stimolare l’anziano ad avere una vita attiva, ma anche di supportarlo in tutte le problematiche che si manifestano quotidianamente. Come prima cosa una RSA deve essere munita di un’ampia equipe medica, che comprenda specialisti in vari settori; tali professionisti devono essere coadiuvati da altro personale sanitario, in grado di gestire anche la somministrazione di farmaci e la gestione di sedute di fisioterapia o di altro genere.

L’importanza della famiglia

Nel rendere migliore la qualità di vita di un anziano un ruolo importante è svolto dalla famiglia e dalla rete di amicizie presenti anche al di fuori della casa di riposo. Ogni struttura favorisce l’incontro tra gli ospiti ed i parenti, che hanno accesso alle sale comuni in qualsiasi momento della giornata, per poter incontrare quando lo desiderano le persone care.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.