Prestiti per giovani studenti universitari

universitàLa difficoltà a entrare nel mondo del lavoro ha spinto molti giovani italiani ad investire sulla propria formazione. Oggi, grazie ai prestiti per giovani studenti universitari, è possibile ottenere un finanziamento senza neanche la necessità di una busta paga. Ovviamente questi prodotti agevolati sono riservati solo agli studenti più meritevoli che sono riusciti nel corso degli anni a mantenere degli standard di risultati elevati.

I prestiti per studenti, infatti, avendo delle condizioni particolarmente agevolate rispetto ai normali finanziamenti vengono erogati solo a chi veramente se lo merita essendo riuscito a dimostrare di avere le capacità e la grinta necessari ad ottenere risultati di alto livello nello studio.

Per comprendere meglio come funzionano e come è possibile richiedere questi prestiti per studenti universitari senza busta paga abbiamo fatto una piccola intervista a Marco di isisquarto.it , portale specializzato in questa tipologia di finanziamenti. Il consiglio è quello di leggere fino in fondo questa breve intervista perchè dalle risposte di Marco sono emerse molte informazioni utili.

Ciao Marco, cosa ci puoi dire sui prestiti per gli studenti. Sono davvero così convenienti?

Per prima cosa vorrei salutare tutti i lettori del vostro sito e ringraziarvi per questa intervista. Veniamo a noi. Si questa tipologia di finanziamento è davvero molto conveniente ma non solo perchè presenta un tasso di interesse agevolato ma, soprattutto, per via delle condizioni a cui questi prestiti vengono erogate. Solitamente, infatti, lo studente ha tutto il tempo di terminare gli studi e cercarsi un lavoro prima di dover pensare a rimborsare il finanziamento.

Questo vuol dire che si può ottenere un prestito senza busta paga e per 3 o 4 anni non si dovrà rimborsare nulla?

Si, esattamente. Questi finanziamenti, che vale la pena ricordarlo sono frutto di convenzioni con le facoltà o con le istituzioni, permettono di avere la liquidità necessaria per poter affrontare il proprio percorso di studio. Terminato questo si hanno da 1 a 2 anni di tempo per trovare un lavoro prima che la banca venga a bussare la porta per richiedere indietro il dovuto.

Ma quali spese posso finanziare?

Tutte quelle riconducibili allo studio. Si va dall’acquisto di libri, computer e materiale didattico al pagamento delle rette universitarie fino alle spese di vitto e alloggio per quegli studenti che devono studiare lontano dalla propria città.

Ringraziandoti per la disponibilità ti chiedo, gentilmente, di dare un ultimo consiglio ai nostri lettori.

La prima cosa da fare è quella di recarsi presso la propria facoltà e verificare l’esistenza di convenzioni in essere e nel caso farsi dire le condizioni e con quali istituti di credito. Molto spesso queste iniziative rimangono sconosciute ai più e finiscono nel dimenticatoio mentre rappresentano un’ottima opportunità. Oggi, per molti ragazzi, questi prestiti per lo studio senza busta paga possono essere davvero un’ottima opportunità per crescere e aumentare le possibilità di farsi spazio nel mondo del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.