Quale musica ascoltare per essere più produttivi?

macro-1452987__340Probabilmente non hai intenzione di ascoltare la tua canzone vincente a ripetizione per le tue 8 ore di lavoro (si trasformerà presto in una canzone infernale piuttosto che vincente se la ascolti troppo!), ma quindi cosa si può ascoltare per aumentare la produttività?

Prima di tutto questo dipende da te, e solo da te. Per esempio, molte persone non riescono ad ascoltare la radio nel loro lavoro, perché ritengono che distragga troppo e non consentire la concentrazione. Alcune persone non possono nemmeno ascoltare musica generica in ufficio, in palestra o a casa, visto e considerato che lavorano spesso in movimento e non amano usare le cuffie.

Ciò premesso, se sei una persona che non disdegna la possibilità di avere una colonna sonora mentre lavora, si può optare per una delle seguenti soluzioni.

Musica classica

Potresti aver sentito parlare dell'”Effetto Mozart” che si riferisce ad uno studio dei ricercatori Gordon Shaw, Frances Rauscher e Katherine Ky1. I ricercatori hanno testato l’effetto di Mozart su tre gruppi di studenti.

Il primo gruppo ha ascoltato una selezione di Mozart. Il secondo gruppo ha ascoltato musica per il rilassamento. Il terzo gruppo non ha ascoltato nulla e si è seduto in silenzio. Alla fine del periodo di ascolto, tutti i 36 studenti sono stati sottoposti a un test generale. Il gruppo che aveva ascoltato Mozart aveva una media di 8-9 punti di aumento del QI rispetto agli altri due gruppi.

Questo studio è finito sotto tiro anni dopo, con alcuni scienziati che affermavano che il piacere della musica aveva aumentato l’umore degli studenti, la loro produttività e quindi i loro risultati. Così il test è stato ripetuto su ratti a cui è stato fatto ascoltare Mozart nel grembo materno e per 60 giorni dopo la nascita. Un secondo gruppo ha suonato musica minimalista del compositore Philip Glass e il terzo gruppo non ha suonato nulla – solo silenzio come l’esperimento originale con gli studenti.

Alla fine del periodo di ascolto, i ratti sono stati testati sulla loro capacità di negoziare la loro via d’uscita da un labirinto. I topi che avevano ascoltato Mozart hanno completato il labirinto molto più velocemente e con meno errori degli altri due gruppi. I test sui ratti hanno dimostrato che il piacere e l’apprezzamento musicale non erano un fattore nel test. La musica suonata era la sonata di Mozart per due pianoforti in Re, K448.

In uno studio pubblicato sulla rivista Deutsches Aerzteblatt International nel 2016, i ricercatori hanno confrontato la musica di Mozart e Strauss con quella degli ABBA su questioni relative alla salute del cuore. I risultati dell’esperimento hanno mostrato che le persone che ascoltavano la musica classica di Mozart e Strauss avevano una pressione sanguigna nettamente più bassa e la loro frequenza cardiaca era diminuita. Purtroppo la musica degli ABBA non ha avuto lo stesso effetto.

Suoni della natura

Potresti aver sentito parlare della musica delle balene o del suono della pioggia per rilassarti, ma potrebbe funzionare anche per la produttività?

Il Journal of the Acoustical Society of America ha condotto dati psicofisici e analisi del campo sonoro su soggetti che ascoltavano suoni ‘naturali’ o ‘rumore della natura’. I dati hanno suggerito che ascoltare le onde sulla spiaggia, il suono del canto degli uccelli, la pioggia, i suoni della giungla e la musica delle balene potrebbe migliorare il funzionamento cognitivo e aumentare la concentrazione.

Ci sono molteplici playlist ispirate alla natura da servizi di streaming come Spotify per creare il giusto ambiente ispirato alla natura.

I tuoi brani preferiti in una playlist

Anche se questa potrebbe non essere la colonna sonora giusta per un lavoro concentrato e complesso, se stai cercando di smettere di procrastinare i compiti di lavoro ripetitivi, le faccende domestiche, la corsa o l’allenamento in palestra, allora potresti volere qualcosa di più ad alto impatto e in levare per spronarti.

Con la maggior parte dei servizi di streaming digitale in questi giorni è davvero facile creare le proprie playlist specifiche per sentirsi bene. Sono finiti i giorni in cui registravi il tuo programma radiofonico preferito su cassetta (e mettevi in pausa quando arrivava la pubblicità!). Puoi anche creare una playlist della tua musica preferita su YouTube.

Puoi dividere le playlist come vuoi. Forse una potente playlist ispirata alla chitarra heavy metal per il sollevamento pesi, il meglio degli anni ’90 per le pulizie e un’atmosfera rilassante per l’ufficio. Mettere insieme delle playlist è davvero divertente e può davvero fare la differenza per il tuo umore, i tuoi livelli di concentrazione e la tua energia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.