Quanto siamo rimasti segnati dal Covid-19?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La pandemia di Covid-19 ha causato un trauma di massa su una scala più grande di quanto avvenuto durante la seconda guerra mondiale, e l’impatto durerà “per molti anni a venire”, ha detto venerdì il massimo funzionario dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Ghebreyesus.

“Dopo la seconda guerra mondiale, il mondo ha vissuto un trauma di massa, perché la seconda guerra mondiale ha colpito molte, molte vite. E ora, anche con questa pandemia di Covid, con dimensioni maggiori, sono state colpite più vite“, ha detto il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus in una conferenza stampa venerdì. “Quasi tutto il mondo è colpito, ogni individuo sulla superficie del mondo è stato colpito”.

“E questo significa un trauma di massa, che è oltre ogni proporzione, anche più grande di quello che il mondo ha vissuto dopo la seconda guerra mondiale”, ha aggiunto, notando l’effetto sulla salute mentale. “E quando c’è un trauma di massa, colpisce le comunità per molti anni a venire”.

I suoi commenti sono venuti in risposta a una domanda se i Paesi dovrebbero prendere più in considerazione l’impatto della pandemia sull’economia e la salute mentale mentre tracciano i loro percorsi in avanti. I deputati di Tedros hanno sottolineato che la salute mentale dovrebbe essere prioritaria.

“La risposta è assolutamente sì“, ha affermato Maria Van Kerkhove, capo dell’unità malattie emergenti e zoonosi dell’OMS. “Ci sono variazioni in termini di impatto che questo ha avuto sugli individui, se hai perso una persona cara, o un membro della famiglia o un amico per questo virus. Se si è perso il lavoro, i bambini che non sono andati a scuola, le persone che sono costrette a stare a casa in situazioni molto difficili”.

Kerkhove ha aggiunto che il mondo è ancora nella “fase acuta” della pandemia, quando il virus sta lacerando le comunità, uccidendo decine di migliaia di persone ogni settimana. Ha aggiunto, però, che il tributo alla salute mentale della pandemia emergerà come una questione importante nel lungo termine, dicendo che “ci deve essere molta più enfasi da parte dei governi, delle comunità, delle famiglie, degli individui per prendersi cura del nostro benessere”.

Il Dr. Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenze sanitarie dell’OMS, ha esortato le persone a non evidenziare solo il pedaggio della salute mentale della pandemia come un problema, ma anche a discutere le soluzioni. “Una cosa è dire che la salute mentale è e la salute psicologica è sotto pressione – questo è vero – ma anche il contrario di questo deve essere ciò che stiamo facendo per sostenere e fornire supporto psicosociale alle persone e alle comunità”, ha poi aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.