S.o.S. figli: mamma voglio fare un tatuaggio!

tatuaggi-ragazziUna delle paure più grosse dei genitori è durante l’adolescenza: il corpo dei ragazzi cambia, e anche i loro atteggiamenti mutano in modo significativo. Si sentono grandi, ma devono ancora sottostare a regole ferree. Tuttavia, in questo periodo non vi possono essere solo scontri, ma anche richieste (più o meno assurde). Tra tutte, la più frequente è quella in cui i ragazzi chiedono di farsi un piercing oppure un tatuaggio: è giusto dare il proprio permesso? Scopriamolo insieme!

Il tatuaggio, per un adolescente, rappresenta un marchio da mostrare orgoglioso. Il suo significato è chiaro: “io sono differente da voi”! Ma come si deve comportare un genitore di fronte a questa precisa richiesta? Secondo molti psicoterapeuti è giusto dare il proprio consenso, ma stabilendo dei paletti adeguati: vediamo quali sono!

Prima di tutto, cercate un centro autorizzato secondo le normative Asl: è un punto delicato, in quanto vale la salute di tuo figlio. Il tatuatore, poi, deve indossare sempre dei guanti durante l’operazione e gli strumenti devono essere sterili. I genitori, prima di dare il proprio consenso, dovrebbero assicurarsi di lasciare il proprio ragazzo in mani sicure, onde evitar problemi di salute successivi (aids, epatite b o c, oppure infezioni varie).

Inoltre, ricordati che sotto i 14 anni per legge i ragazzi non possono farsi tatuare, mentre sotto i 18 anni devono essere obbligatoriamente accompagnati da un genitore, il quale deve fornire il proprio consenso. Fissate, poi, un punto di incontro sulla dimensione del tatuaggio da fare: cercate di farglielo fare piccolo.

I ragazzi, a quest’età, cambiano molto spesso idea, e un tatuaggio di grandi dimensioni potrebbe scatenare il panico successivamente. Infine, prima di farglielo fare, passate dal vostro tatuatore e richiedete qualche puntino di prova: attendete almeno 72 ore, e vedete se i pigmenti hanno avuto una qualche reazione. se così fosse, significa che il giovane non potrà farsi fare nessun tatuaggio.

Ora sta a voi prendere la decisione finale: darete il vostro permesso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.