Social Media e turismo: un binomio vincente?

spiaggiaPrima di entrare nel vivo di questo focus che vuole indagare nell’efficacia dei social media rispetto al turismo, addentriamoci in una questione più generica che punta ad inquadrare il profilo dell’utente vs il prodotto turistico: cosa cerca e cosa acquista in rete?

Per prodotto turistico possiamo intendere sia la camera d’albergo che il pacchetto completo, come anche il trasporto per il viaggio.

Una tendenza piuttosto evidente ed aumento negli ultimi anni, quella del viaggio acquistato online tramite i canali digitali più diffusi grazie alle tecnologie multimediali. Ma cosa fa online il turista italiano? Sembra interessante capire cosa avviene quando un potenziale acquirente si trova online di fronte ad un portale dedicato, con l’idea di acquistare un viaggio.

I dati ricevuti da una ricerca condotta dall’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano indicano che il turista è attivo online non solo prima, in fase di ricerca e di acquisto del viaggio, ma anche durante e dopo il viaggio.

Prima del viaggio si stima che l’88% degli utenti ricerca informazioni, di questi l’82% effettua la prenotazione oppure acquista un prodotto, alloggio, mezzo di trasporto o attività da svolgere nel paese ospitante. Nel corso del viaggio il 44% degli utenti acquista online qualche attività, mentre l’86% usa ‘app’ per esplorare luoghi e dedicarsi ad attività.

Dopo il viaggio, il 61% pubblica foto, immagini, recensioni e post relativi all’esperienza vissuta. Ed i luoghi dove pubblicare i propri commenti sono le piattaforme social dedicate.

Ed ecco che tocchiamo il nocciolo della questione che ci interessa: ma i social media sono davvero funzionali nel loro potenziale per fare un buon marketing nel settore del turismo?

Dipende. L’efficacia del social media marketing dipende dagli obiettivi che ci si prefigge come anche dalle tattiche che si utilizzano per perseguirli e dalle campagne che si realizzano.

Gli obiettivi delle aziende che fanno social media marketing sono per lo più legati all’engagement, cioè al coinvolgimento attivo del pubblico target. Al secondo posto troviamo la brand awareness, e al terzo l’acquisizione di potenziali contatti commerciali e l’aumento di traffico sul sito web dell’azienda. Meno perseguito l’obiettivo di generare vendite e fatturato, a conferma che i social media hanno una funzione di marketing e non tanto di conversione di vendita immediata.


Secondo gli addetti ai lavori lo strumento più efficace per raggiungere gli obiettivi di social media marketing è la realizzazione di contenuti in grado di attrarre il target ricercato, ed i format con il maggior riscontro sui social sono i video, le infografiche e i post del blog aziendale.

Un incentivo a rendere proattivo l’approccio ai social media b2c è senza dubbio l’integrazione all’interno delle piattaforme utilizzate come canali diretti per l’acquisto di prodotti turistici di tool adibiti alla condivisione e all’interazione sui social. Il digital device si evolve e ricopre moltissime funzionalità ed in ambito turistico questo “passo a due” ha un ritorno di grande efficacia.

Un’attività turistica online deve necessariamente essere smart in tutti i suoi aspetti, dal design alla programmazione, ai programmi creati ad hoc come questo software online sviluppato per hotel, bed and breakfast ed altre strutture turistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.