STOP FALSE COOPERATIVE

conf_stop_false_cooperativeL’Alleanza delle Cooperative Italiane ha depositato in Corte Suprema di Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare che ha lo scopo di contrastare le false cooperative con l’obiettivo raccogliere 50.000 firme entro ottobre 2015.

La legge di iniziativa popolare che vedrà la prosecuzione del suo iter parlamentare al raggiungimento delle firme necessarie, è stato presentato con la chiara volontà di contrastare il fenomeno delle false cooperative che fanno dumping e praticano concorrenza sleale.

I punti principali della proposta di legge, prevedono che per le cooperative che non siano state sottoposte alla revisione biennale, siano avviati iter urgenti per procedere a revisione e verifica e nel caso che queste non siano svolte, le cooperative non in regola con gli adempimenti vengano escluse dall’Albo delle cooperative.

La raccolta firme è partita in maniera molto capillare sul territorio, dal momento che la presenza cooperativa è capillare su tutto il territorio nazionale.

Le associazioni territoriali di Confcooperative hanno quindi istituito una serie di momenti in cui è possibile firmare per poter raggiungere la soglia necessaria delle 50mila firme da raccogliere entro 6 mesi.

Questa proposta di legge è un passo importante per dare maggiore valore a quei cooperatori che tutti i giorni fanno vera cooperazione e rischiano di essere paragonati a situazioni che sfruttano la forma giuridica cooperativa per scopi non leciti o con modalità lontane dalla Cooperazione autentica presente in maniera importante in tutto il mondo.

Importante segnalare come questa iniziativa ha incontrato i favori positivi di tutti gli schieramenti politici italiani, a conferma che la cooperazione è un realtà solida ed importante nel nostro tessuto sociale ed economico, ovviamente facendo riferimento alla cooperazione autentica che è in grado oggi, come da quando è nata, di dare risposte alle esigenze della società nel welfare, nella sanità, nell’agroalimentare, nel credito, nei servizi alla persona e al territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.